Il millenario contributo dell’Ayurveda alla medicina

Pubblicato il Pubblicato in News

Grazie allo scambio di conoscenze tra culture e alla tecnologia, sono sempre di più le persone (e i medici occidentali) alla ricerca di approcci olistici all’assistenza sanitaria; l’Ayurveda, o il sistema medico tradizionale indiano, sta guadagnando popolarità nel mondo occidentale.

Molti medici allopatici, tuttavia, considerano ancora questo sistema come “ciarlatano”, ma la verità è che l’Ayurveda ha contribuito immensamente alle basi della medicina moderna.

 

Sushruta, il padre della chirurgia plastica

Sushruta India
Sushruta, considerato il padre della chirurgia plastica, era uno studioso e chirurgo indiano vissuto nel 600 a.C. Il suo compendio, uno dei testi fondamentali dell’Ayurveda, noto come Sushruta Samhita, descriveva molte procedure chirurgiche complesse; questo testo, originariamente scritto in sanscrito, è stato tradotto in molte lingue diverse e alla fine è diventato una base importante per la moderna chirurgia plastica.

Le piante e i loro derivati

Anche lo sviluppo di molti farmaci moderni è stato derivato da piante comunemente utilizzate nell’Ayurveda: le piante e ciò che si consuma nutrono letteralmente il corpo, alimentando o diminuendo il fuoco digestivo (Agni), secondo l’Ayurveda. Questo principio sta guadagnando convalida nella medicina occidentale, che afferma sempre più l’immenso impatto dell’intestino sulla funzione corporea.

Il ruolo della prevenzione e della personalizzazione

Oggi si parla tantissimo di prevenzione; l’Ayurveda ha sempre fornito un piano sistematico, completo e personalizzato per la prevenzione delle malattie.

I principi ayurvedici sottolineano che corpo, mente e spirito contribuiscono tutti alla salute e che ogni individuo è proprio questo: individuo; l’Ayurveda è la medicina personalizzata originale.

Ogni persona ha una costituzione innata, o “prakriti” che si forma al concepimento e considerata lo stato ottimale del proprio essere. Prakriti è il rapporto dei tre Dosha: Vata, Pitta e Kapha, che possono essere considerati modelli metabolici nel corpo. Questi Dosha, o modelli corporei, reagiscono all’ambiente esterno e allo stile di vita e sono proprio queste reazioni a cambiare il rapporto dei Dosha da ottimale a non bilanciato (Vikriti).

L’approccio ayurvedico insegna che con i corretti cambiamenti dello stile di vita per la propria costituzione individuale, come la dieta, si può tentare di riequilibrare i Dosha e prevenire efficacemente le malattie. Nella medicina occidentale si stanno ora trovando dati che confermano ciò che è noto da migliaia di anni: sia il cibo che lo stile di vita hanno un enorme impatto sulla salute.

I temi della medicina moderna noti da migliaia di anni in India

Idee come la connessione istinto-mente, i benefici del digiuno intermittente, l’importanza di vivere secondo il ritmo circadiano, i benefici della meditazione, l’importanza della spiritualità e l’uso di integratori come la curcuma e l’ashwagandha (per citarne alcuni) sono diventati temi caldi (e di moda) nella medicina occidentale negli ultimi anni, ma è nota da migliaia di anni in India. Nessuna di queste idee è nuova o alternativa.

Meditazione ayurveda
La medicina occidentale è radicata in un sistema sottoposto a “peer review”: i nuovi risultati devono essere presentati e replicati da altri prima di essere accettati come standard di pratica. Ciò promuove una cultura trasparente e responsabile, proteggendo il pubblico da trattamenti fasulli e false affermazioni. Tuttavia, si dovrebbe cercare di pensare un po’ più in generale quando si considerano le pratiche di altri sistemi medici, senza giudicarle a priori solo perché quelle prove non sono state fatte in un laboratorio o registrate in termini inglesi di gran voga.

I saggi che hanno messo a punto l’arte dell’Ayurveda hanno osservato le persone e la natura per migliaia di anni, hanno capito che tutta la vita è connessa e che ciò che facciamo alla natura tornerà indietro per influenzare la nostra salute. La ricerca moderna sta convalidando molte di queste credenze ayurvediche e sta dimostrando l’interconnessione delle nostre cellule e dei nostri organi al nostro ambiente.

Allineare la scienza moderna con la medicina tradizionale antica

Ancora oggi, cerchiamo di comprendere la complessità dei composti chimici presenti nelle erbe, come interagiscono con il nostro corpo e come noi, a nostra volta, siamo geneticamente predisposti a reagire ad essi. Ciò che ci rende diversi gli uni dagli altri è la nostra genetica e proprio come siamo arrivati a capire che non tutta la medicina occidentale è creata uguale, entriamo nel regno della precisione o della medicina personalizzata. È interessante notare che l’Ayurveda con la sua conoscenza delle erbe e della Prakriti può avere una valida scienza che lo sostiene. Ciò che è sorprendente è che abbiamo sempre avuto questa conoscenza e ora stiamo appena iniziando ad allineare la scienza moderna con la medicina tradizionale antica.

In conclusione

La medicina occidentale ha fatto scoperte straordinarie, passi da gigante e aiutato a migliorare la qualità della nostra vita, tuttavia, vedo in coloro che si affidano all’Ayurveda tramite me, il ​​desiderio di un’assistenza sanitaria incentrata sulla persona e non sulla malattia. Le persone vogliono essere viste come individui, non come malattie. I medici occidentali che aprono la porta anche all’Ayurveda si avvalgono di un’arma potente: fornire cure personalizzate, non semplicemente prescrizioni di farmaci che soddisfano una metrica di qualità.

 

Vuoi saperne di più? Contattami!


 

mail

 

Scrivimi su iltempiodimurugan@gmail.com

 

phone

 

oppure Chiamami allo 393 337 8495

 

Alberto Orlandi