Bilanciare i Dosha con lo Yoga

Pubblicato il Pubblicato in News

Lo yoga può aiutarci a riequilibrare le tre forze energetiche o Dosha? La risposta è si!

 

I tre Dosha: Vata, Pitta e Kapha

Lo scopo dell’ayurveda è di comprendere tutte le forme di vita (corpo, mente e spirito) e la loro combinazione come espressione della creazione.

Tutte le forme di creazione possono essere meglio comprese attraverso queste tre energie, o Dosha, che sostengono la vita. I Dosha sono formati dalla condensazione dei cinque elementi, terra, acqua, fuoco, aria ed etere.

La loro espressione in un individuo deriva da un rapporto unico di funzionamento nel corpo di ogni persona, che è determinato al momento del concepimento; come ho detto più volte nel blog, ogni persona è davvero unica e dovrebbe essere trattata come tale.

Ogni Dosha ha qualità uniche e mentre tutti e tre i Dosha sono presenti in ogni individuo, è evidente quali Dosha sono dominanti in una persona, in base ai suoi tratti caratteriali ed alle sue caratteristiche fisiche. Questo dominio di una (più spesso due) delle forze energetiche spiega perché due persone possono avere reazioni completamente diverse rispetto alla stessa cosa.

Ogni esperienza umana, sia essa emotiva, fisica o ambientale, ha un effetto sull’equilibrio dei Dosha; quando essi sono in squilibrio è possibile bilanciarli attraverso una combinazione di massaggi ayurvedici mirati, una dieta adatta alle proprie esigenze, la meditazione e lo yoga.

Oggi ci concentreremo su come lo yoga può aiutare a bilanciare le tre forze.

Vata Dosha

 “È il principio dell’energia cinetica nel corpo, si occupa principalmente del sistema nervoso e controlla tutti i movimenti del corpo. A livello cellulare Vata sposta i nutrienti dentro e butta fuori dalle cellule ” (Svoboda).

Il Dosha Vata è governato dagli elementi aria ed etere. I solo elementi associati a ciascun Dosha dicono già molto sulle caratteristiche della forza e in questo caso, con Vata, l’aria è secca, leggera, fresca, irregolare e mobile.

Le persone con Vata Dosha predominante tendono ad avere la pelle e i capelli asciutti, sono molto attivi (fisicamente e mentalmente), sono spesso freddi, preferiscono il clima caldo e hanno un programma giornaliero irregolare.

Quando Vata è squilibrato, alcuni comuni disturbi fisici includono: artrite, pressione sanguigna alta o bassa, fratture articolari, insonnia, costipazione, malattie cardiache, energia esaurita e mal di testa.

Nei casi di grave squilibrio i tipi Vata sono anche soggetti a disturbi mentali, come depressione, ansia, disturbo bipolare e disturbo ossessivo compulsivo.

Yoga per bilanciare Vata Dosha

“Posa che agisce sul colon (la sede corporea di Vata), l’intestino, il bacino, la colonna lombare e l’equilibrio sacro iliaco riportando l’energia alla base del busto” (D. Knox).

Un tipo Vata, nello yoga, trarrà grande beneficio ed equilibrio da una pratica radicale, calma e contemplativa. Dal momento che i tipi Vata tendono ad essere imprevedibili con le attività quotidiane, è meglio rendere lo yoga una routine: dovrebbe essere praticato a una certa ora del giorno in determinati giorni della settimana.

A causa dell’iperattività di Vata, i saluti al sole dovrebbero essere fatti lentamente e si dovrebbero prediligere le pose in piedi, come Tadasana (la posizione della montagna), Virabhadrasanas (la posizione del guerriero) e Vrksasana (la posizione dell’albero).

yoga e ayurveda
Virabhadrasanas (la posizione del guerriero)

Le pratiche di Pranayama che raffreddano il corpo o danno troppa energia, come Kapalabhati o Sitali, dovrebbero essere evitate da un Vata sbilanciato; meglio optare per qualunque cosa calmante ed equilibrante, come Nadi Shodhana (narice alternata), Bhramari (respiro ronzio delle api) o persino Ujjayi (respiro vittorioso). Questi tre pranayama sono noti per aiutare a stabilizzare l’energia, calmare la mente e ridurre lo stress per l’ansia di Vata.

Pitta Dosha

Pitta è il Dosha governato dagli elementi fuoco e acqua. La forza energetica di Pitta è principalmente associata alla digestione, ma anche ai sistemi enzimatico ed endocrino. La sua funzione è la digestione dei nutrienti che si trasformano in energia per la funzione cellulare.

Le caratteristiche di Pitta sono calde, leggere, intense e fluide. Le qualità fisiche di Pitta sono legate a pelle setosa, occhi luminosi e corporatura di medie dimensioni con peso medio. I tipi Pitta si irritano facilmente quando fa caldo e preferiscono i climi più freddi, tendono a sudare facilmente, anche nei mesi invernali. Gli organi, gli occhi, la pelle, il fegato, il cervello e l’intestino tenue sono governati da Pitta.

Alcuni squilibri comuni che possono manifestarsi in un tipo Pitta sono: infezioni, infiammazioni, eruzioni cutanee, bruciore di stomaco e febbre.

Un Pitta psicologicamente squilibrato può avere sentimenti di rabbia, invidia, odio e gelosia ed essere incline a disturbi mentali come rabbia incontrollabile e problemi emotivi profondamente radicati.

Yoga per Pitta Dosha

“Sperimenta con il saluto alla luna; mentre il saluto al sole si riscalda, questo Vinyasa ha un effetto rinfrescante ”(D. Knox).

Poiché i Pitta sono eccessivamente riscaldati e attratti principalmente da posture fisicamente impegnative, quando si guarda allo yoga per aiutare il loro equilibrio, le posizioni di raffreddamento sono da prediligere.

Ayurveda e yoga
Ardha Matsyendrasana (mezza torsione del signore dei pesci)

È importante lavorare nell’area addominale, come con Ardha Matsyendrasana (mezza torsione del signore dei pesci), puntare ai piegamenti in avanti e alle pose di apertura del cuore, come Dhanurasana (la posizione dell’arco) e Bhujangasana (la posizione del cobra) che aiutano a ridurre gli eccessi di Pitta.

Quando si pratica il Pranayama, un Pitta dovrebbe concentrarsi sul raffreddamento, sulla respirazione rilassata; l’espirazione attraverso la bocca a volte è un buon modo per rilasciare calore eccessivo.

Sitali, o respiro rinfrescante, è una delle tecniche di respirazione più equilibranti per questo Dosha: aiuta con iperacidità e ulcere a cui i tipi di corpo Pitta sono inclini.

Kapha Dosha

“È l’energia della costruzione e della lubrificazione che fornisce al corpo forma fisica, struttura e il buon funzionamento di tutte le sue parti” (Rhoda e Yarema).

Kapha è governato dagli elementi terra e acqua; può essere pensata come la colla che tiene insieme il corpo.

A livello cellulare è la forza che governa la struttura della cellula e possiede pesantezza, oleosità, freddezza, stabilità e densità. Alcuni degli organi associati al Kapha includono: articolazioni, stomaco, bocca e linfonodi.

I tipi Kapha tendono ad avere corporature robuste e possono ingrassare facilmente, avere capelli spessi e/o grassi e sono più stabili emotivamente rispetto agli altri due Dosha.

Se squilibrati, i tipi Kapha sono più inclini a obesità, malattie cardiache, diabete, congestione del seno, ritenzione idrica e gonfiore. Anche se Kapha è il più mentalmente stabile, se non in equilibrio, può creare letargia mentale o depressione perché tende a immagazzinare le proprie emozioni.

Yoga per bilanciare Kapha Dosha

Quando si utilizza lo yoga per bilanciare un Kapha eccessivamente stimolato, le lezioni più spronanti, calde e intense sono le più benefiche.

yoga e ayurveda
Salabhasana (posizione della locusta)

È bene lavorare sulla regione addominale e praticare Asana che aprono l’area del torace, come Salabhasana (posizione della locusta) e Ustrasana (posizione del cammello), sono utili Asana di bilanciamento.

Pose come le verticali Handstand, Headstand, Shoulderstand e Dhanurasana (posizione dell’arco) sono i principali riduttori di Kapha.

Kapha ha bisogno di esercizi di Pranayama che stimolano il corpo e liberano la mente: la respirazione vigorosa per aprire i polmoni è molto utile; per questo tipo di respirazione, si raccomandano la respirazione Kapalabhati e Bhastrika.

Il respiro Ujjayi può essere usato durante la pratica degli Asana per i suoi effetti riscaldanti.

Onora la tua individualità

“Non è che la persona abbia bisogno di adattarsi allo yoga, ma piuttosto la pratica dello yoga deve essere adattata per adattarsi a ogni persona”.

Concludo con le parole del grande insegnante di yoga indiano Krishnamacharya, per riflettere sul fatto che, durante le lezioni di yoga, si potrebbe pensare che ognuno di noi può essere in grado di fare le stesse cose di un altro; in realtà ciò non è possibile perché ogni persona è composta dalla propria costituzione energetica.

Un corpo può preferire una pratica yoga lenta e calmante, mentre un altro è attratto da intense pose impegnative che creano calore; per questo motivo è molto importante essere consapevoli del proprio tipo di corpo, o tendenze, e lavorare per l’equilibrio.

In una lezione di yoga, ogni corpo dovrebbe essere trattato in modo diverso perché diverso. È importante onorare il corpo nella pratica dello yoga e bilanciarlo per abilitare le sue capacità.

I Dosha spiegano come ogni individuo sia veramente unico e perché si hanno reazioni diverse alle stesse esperienze nella vita, siano esse fisiche, mentali o emotive.

Avere una migliore comprensione del tuo tipo fisico può aiutarti a creare più equilibrio nella tua vita e permetterti di onorare e realizzare la tua espressione unica e creativa di esso.

Vuoi saperne di più? Contattami!

 

Contattami

 

mail

 

scrivimi su iltempiodimurugan@gmail.com

 

phone

 

oppure chiamami allo 393 337 8495

 

 

Alberto Orlandi